mercoledì 4 giugno 2014

La Toscana e l'arte del vino racchiusa in Melini Chianti.

Sapete quanto mi piace assaporare prodotti tipici regionali e in ogni caso Made in Italy. Mi fa sentire più Italiana e informata sui gusti e le tradizioni del nostro paese che poco conosciamo e poco "amiamo" e "apprezziamo".
Alla scoperta di realtà nuove per me, Siciliana e quindi isolana, mi sono imbattuta in una Casa Vinicola che di trova a Gaggiano, a 300 metri di altitudine sui colli del Chianti Classico. Un'azienda che nasce ben 300 anni fa, nel 1705, fondata sulla miglioramento e distinzione del Chianti Classico. Vi sto parlando di Melini proprietaria di ben 524 ettari di terreni nella zona classica del Chianti, tra Siena e Firenze, con fattorie che solo dal nome affascina e ammalia: Selvanella, Terrarossa, Granaio; 5 fattorie, 5 milioni di bottiglie che per il 70% vanno oltre confine, una ristrutturazione totale della cantina, più di venti etichette che oltre ai Chianti, anche nella denominazione Classico, comprendono, tra l’altro, San Gimignano, Morellino di Scanzano, Brunello di Montalcino, Nobile di Montepulciano, Vermentino. La cantina principale comunque ha sede a Gaggiano, avvolto in  un territorio ricco e generoso che impegna l'azienda vinicola al riconoscimento dell'autenticità, del gusto e della creatività.
Il risultato è un vino dal carattere autentico e intenso, che si sposa perfettamente sia con i piatti della tradizione sia con la delicatezza della nuova cucina e con il piacere di un aperitivo conviviale.
L’azienda realizza una "nuova linea" Re-Chianti consistente in due vini: il Chianti Docg, prodotto con il 75% di uve Sangiovese grosso e il restante 25% di uve complementari, e il Chianti Docg Governo all’uso toscano Composto dall'80 % sangiovese grosso e dal 20 % uve complementari.
Un vino dal colore rosso rubino intenso e vivido;
Appena aperto un profumo avvolgente e complesso vi avvolgerà, e vi coinvolgerà con spiccate note di frutta matura di marasca e lampone, ma anche con piacevoli sentori floreali di giaggiolo e mammola; Appena lo gusterete avvertirete un sapore pieno, corposo, morbido e fruttato, molto sapido e armonico... insomma a spiegare non è facile, ma dovreste proprio assaporarlo per avere una nota reale di quello che è il Melini Chianti Governo.
Gli abbinamenti gastronomici consigliati sono: antipasti di salumi e formaggi assortiti, primi piatti saporiti e zuppe di verdure, grigliate di carni rosse, ma anche con il piacere di un aperitivo conviviale. 
Temperatura di servizio: 18-20 °C.
Io come al solito non amo essere rigida negli abbinamenti e l'ho abbinato ad una buona ARISTA IN SALSA CON PATATE SPINACI E CIPOLLA.
Vi assicuro che la compagnia ha gradito sia la ricetta che l'abbinamento del vino. Melini, ha in seno un valore aggiunto, sperimenta da sempre nuovi metodi di coltivazione e di vinificazione delle uve Sangiovese in modo da offrire ai proprio clienti vini che possano conquistare tutti i consumatori, dai più giovani ai più esigenti, abituati a degustare vini diversi, più fruttati e gioviali. Per chi avesse la possibilità vi invito a visitare la casa vinicola, spesso è aperta con degustazioni di vino a ritmo di musica, specialità toscane e visite guidate. Non potete perdervi una tale possibilità, peccato che io sia troppo lontana da questi meravigliosi luoghi, ma io ho avuto già la possibilità di degustare e posso solo dirvi che dovete "provare per credere". Ah! dimenticavo.. oltre ai vini Chianti sono tantissime l'etichette dell'azienda e anche specialità come la salsa balsamica e l'olio extravergine. Non perdetevi questa specialità Toscana.
Melini Chianti
Località Gaggiano
53036 Poggibonsi (Siena)

Tel. +39.0577.99.85.11
Fax +39.0577.98.90.02

melini@giv.it
www.cantinemelini.it
www.melinichianti.com
https://www.facebook.com/melinichianti