venerdì 4 gennaio 2013

Lines Perla il compagno di vita per noi donne.

Oggi vorrei parlarvi di un problema che ho riscontrato esattamente dopo il mio secondo parto. L'eccessivo peso e lo sforzo del parto mi hanno portato parecchi problemi di Incontinenza Urinaria. 
L'incontinenza urinaria è una condizione comune a molte donne, anche giovani.
Una donna su sei tra i 35 e i 70 anni e quasi la metà delle donne sopra i 65 anni ha occasionali perdite di urina.
E’ sempre consigliabile consultare il proprio medico, ginecologo o urologo, per saperne di più e scoprire come gestirle al meglio.
I due tipi di incontinenza più comuni per la donna sono da sforzo e da urgenza. Esiste poi anche una forma mista che presenta caratteristiche di entrambi i tipi. 

L’incontinenza urinaria da sforzo è caratterizzata da fuoriuscite involontarie in seguito a pressione addominale dovuta a sforzi fisici, starnuti, colpi di tosse, risate, allenamento fisico o sollevamento di un peso. L’incontinenza da sforzo avviene quando l’indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico causa una discesa del collo della vescica. Questo fa sì che lo sfintere interno, una sorta di rubinetto della vescica, non riesca a rimanere chiuso in modo soddisfacente quando sottoposto a pressione addominale. Le perdite in questo caso non sono tipicamente precedute dalla sensazione di urinare e variano, a seconda dei casi, da poche gocce a un flusso più significativo.
Si parla invece di incontinenza da urgenza quando la perdita involontaria di urina è provocata da un bisogno urgente. Si verifica quando il cervello riceve l’impulso di svuotare la vescica e non può impedire la minzione o trattenerla fino al raggiungimento di un luogo appropriato.
Le possibili cause dell’incontinenza sono varie ed è opportuno chiedere consiglio a un professionista per individuarle con precisione.
Le cause più comuni sono:

Gravidanza e parto: Le donne in gravidanza o che hanno appena partorito sperimentano cambiamenti a livello sia fisico che ormonale. L’incontinenza urinaria non è affatto rara in fase di gravidanza, poiché la pressione dell’utero sulla vescica, i cambiamenti ormonali ed il parto possono indebolire i muscoli del pavimento pelvico. E’ per questo che la probabilità di avere fuoriuscite di urina è tre volte superiore per le donne che hanno avuto figli, rispetto a quelle che non ne hanno mai avuti.
Menopausa: La menopausa è quell’evento fisiologico della vita di una donna che comporta un cambiamento ormonale a livello degli estrogeni. Ciò può in alcuni casi influenzare i muscoli del bacino, determinando un assottigliamento dell’uretra e la conseguente incontinenza urinaria.
Obesità: L’obesità è legata all’incontinenza poiché il grasso accumulato nella parte addominale preme sulla vescica, aumentando il numero delle minzioni e più in generale lo stimolo ad urinare. I medici consigliano di perdere peso mediante una dieta sana o trattamenti farmacologici in modo tale da controllare l’incontinenza urinaria stessa.
Infezioni della vescica: Le infezioni della vescica portano ad un restringimento dell’uretra che potrebbe contrarsi involontariamente e generare delle fuoriuscite di urina.
La maternità è un periodo molto speciale nella vita di una donna, pieno di gioie. La gravidanza e il parto sottopongono però l’organismo ad una serie di trasformazioni, ormonali e fisiche.
L’incontinenza urinaria è un effetto collaterale molto comune della gravidanza e del parto. 

Alla futura mamma infatti a volte basta poco come un colpo di tosse o una risata perché qualche goccia di urina scappi involontariamente.
Ma alla donna in attesa può capitare, anche in assenza di queste sollecitazioni, di provare un forte stimolo a fare pipì, stimolo che si presenta sempre più di frequente, man mano che la gravidanza progredisce. 


Nelle donne che stanno affrontando la prima gravidanza, i casi di incontinenza sono più rari e si manifestano, in genere, solo nel terzo trimestre, quando il volume dell’utero è maggiore e la pressione esercitata sulla vescica e sulla muscolatura è più forte.  
Se invece la donna ha già avuto figli, le perdite involontarie di urina possono talvolta verificarsi anche nei primi due trimestri di gestazione. 
Oltre alla causa meccanica, c’è anche una causa ormonale perché la placenta produce grosse quantità di progesterone, un ormone con una attività di rilasciamento sulla muscolatura liscia del collo vescicale e dell’uretra, rendendo più difficile il controllo dello stimolo a far pipì (Non vi dico quante volte fuori casa, cercavo un bar un supermercato per cercare un bagno!!).
In caso di incontinenza urinaria, la futura mamma potrebbe essere indotta a bere poco per paura di uno stimolo troppo frequente di fare pipì.
Quest’accorgimento però è controproducente e assolutamente da evitare: al contrario è molto importante che la futura mamma beva sempre molta acqua.
Il passaggio dei liquidi aiuta a purificare tutto l’organismo e ad eliminare più facilmente germi e batteri dalle vie urinarie, prevenendo eventuali infezioni. 

Altri comportamenti da evitare sono sicuramente un aumento eccessivo di peso e il persistere della stitichezza. L’alimentazione ricca di fibre e un’adeguata idratazione quotidiana aiutano tutti questi aspetti, ma c'è un'altra buona abitudine da seguire giornalmente molto semplice ovvero una particolare ginnastica che può essere sufficiente per risolvere il problema dell’incontinenza.
E' possibile rafforzare i muscoli del pavimento pelvico con dei semplici esercizi. Questi possono essere svolti in qualsiasi luogo senza che nessuno se ne accorga, poiché i muscoli esercitati non sono visibili all’esterno. Inoltre, lo svolgimento di questi esercizi non comporta alcuno sforzo fisico; al contrario, non verserai una goccia di sudore.
Più precisamente, gli esercizi di Kegel rappresentano un facile e comodo metodo che consente di recuperare l’elasticità della muscolatura pelvica. Si svolgono contraendo e rilassando, secondo determinate modalità e sequenze, i muscoli pubococcigei, gli stessi utilizzati quando ci si sforza di interrompere il flusso urinario mentre si fa la pipì.
Gli esercizi possono essere svolti in qualsiasi circostanza e momento della giornata mediante ripetizioni più o meno frequenti e durature, con contrazioni più intense o più dolci, facendo brevi pause fra una contrazione e l'altra.
Come vi dicevo sopra anche io ho sofferto di questo problema e una soluzione l'ho trovata!! Un prodotto per le donne che soffrono di incontinenza, un prodotto specifico per perdite di urina in grado di soddisfare i nostri bisogni: Lines Perla
Perla è una linea di prodotti Lines specifica per le perdite di urina che offre alla donna una giusta protezione nel pieno rispetto della sua femminilità.
L' elevata protezione e la tecnologia esclusiva anti-odore Naturactive™ rendono i prodotti Perla una soluzione ideale per continuare ad affrontare con serenità la vita di tutti i giorni.

1. Filtrante: Morbido al contatto con la pelle. È ideato per allontanare velocemente la perdita di urina dal corpo, trasferire il liquido all'interno della struttura assorbente ed ostacolarne il ritorno in superficie.
2. Microcanali: I micro canali presenti nel prodotto assorbono rapidamente l' urina ed i polimeri super-assorbenti la bloccano all'interno del prodotto.
3. Sistema controlla-odori: Sistema anti-odore Naturactive™. È un insieme di sostanze attive specifiche contro il cattivo odore dell'urina.
*Il sistema Naturactive è presente su tutta la linea Lines Perla, tranne Lines Perla Extra.
4. Struttura molto Flessibile e sottile: Offre protezione, comfort e discrezione con la sua grande sottigliezza.

I prodotti Lines Perla
Grazie all'esclusivo sistema Anti-odore Naturactive™, Lines Perla neutralizza gli odori. In più, grazie a centinaia di micro-canali che allontanano velocemente il liquido dalla pelle, Lines Perla è due volte confortevole.
Per qualsiasi problema sul sito http://www.linesperla.it troverete tantissime informazioni riguardanti i vari problemi elencati e ovviamente le soluzioni.
Validi consigli di esperti sul sito: Servizi gratuiti per professionisti, Effetti sulla vita della donna, Prodotti specifici per l’urina, Tecnologia e gamma Lines Perla, Articoli scientifici, Congressi, Ulteriori informazioni.
Vuoi raccontare la tua esperienza con i loro prodotti?
Non esitare a contattare il loro Servizio Consumatori che sarà ben lieto di risponderci.


Telefonare al numero: 085/4552273 o scrivere una lettera al seguente indirizzo:
Fater S.p.A. - Servizio Consumatori, via A. Volta 10,
65127 Pescara

ATTENZIONE!!! Il Servizio Consumatori fornisce informazioni inerenti i prodotti Lines; ulteriori argomenti non potranno avere risposta in questa sezione.